Holacracy training: pro e contro di un corso su uno dei metodi più strutturati di autoorganizzazione

Inizio col dire che varrebbe la pena andare ad Amsterdam anche solo per vedere Zoku: un coworking/hotel che ha pochi eguali.
Sarà perché è in cima ad un palazzo e l’ingresso è una serra, sarà perché lo stile home-office per noi italiani è affascinante, sarà perché l’ambiente svela continue meraviglie ma soprattutto sarà perché, come ha detto uno dei miei compagni di training, “quando arrivi ti senti a casa, sei subito rilassato e ti viene voglia di buttarti sul divano…a lavorare!”.
Tornando a noi, il corso organizzato da HolacracyOne è tenuto in maniera magistrale e si nota grande cura nell’alternanza tra formazioni frontali, momenti di simulazione in sottogruppi e debriefing collettivi. Il risultato è che non annoia mai e, anzi, tiene sempre l’interesse molto vivo; merito anche dell’ideatore Brian Robertson.
I contenuti sono sempre di alto livello e ben definiti con una grande varietà di casi pratici, basati su un’esperienza di diversi anni e di centinaia di aziende.Non nascondo che vi sono alcune debolezze. Il tentativo di dare una risposta completa alla gestione aziendale mostra qualche ramo sottile, come la strategia, o poco connesso al tronco centrale, come il time management delle persone.
In sintesi però il metodo è chiaro, ben strutturato ed estremamente coerente, offre un’alternativa che sarebbe applicabile anche domattina nella stragrande maggioranza delle aziende.
Il corso dà la giusta formazione per diventare un ottimo esordiente e per iniziare ad applicare Holacracy in autonomia all’interno di una piccola organizzazione.
Ultimo ma non per importanza: le conversazioni tra i partecipanti!
La mia aula era composta da un buon mix di principianti e persone che già conoscono ed applicano in azienda il metodo provenienti da realtà tra loro molto diverse (una società di giochi online di Malta, un piccolo team che si occupa di attività per bambini di NewYork, una ditta di 70 persone fra Francia e Canada che produce telecamere, e anche grandi società di consulenza, uffici commerciali, ecc ecc).
Stare un’intera settimana con chi già pratica o che comunque è molto vicino all’adozione del metodo facilita una discussione aperta, a volte anche critica laddove necessario.

Questo spazza via tutte le perplessità e finalmente fa dire: si può fare!

PS se avete curiosità sul corso scrivetemi pure via mail

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...